giovedì 18 aprile 2013

ti leggo nel sonno (ad un poeta pazzo; ma senza invenzione)

ti leggo nel sonno
d'un treno smorto d'aprile
nello stridio moderno dei freni
nelle discese silenziose
degli sguardi cuciti ti leggo
nelle borse sottobraccio serrate a fiori
ti leggo e non oso
altre sortite
il conto è esatto
e non rimane altro resto

qualcosa d'amaro che trascende
pensare ai tuoi versi
dopo un secolo, se  anche fosse,
e la somma è la stessa,

una mano
una mano stanca che pencola dai pensieri.

Nessun commento: