giovedì 3 aprile 2014

Forse è come un viaggio



Forse è come un viaggio
Rimangono solo immagini
Negli occhi di chi percorre
Un paesaggio a volte solito
Di volti banchine fermate
Così ordinarie che si potrebbero saltare
O scambiare
Con altri volti occhi parole in forma di discorsi
Oppure no
Non è così passare il cielo
Al setaccio la trama
È sottile
E allora rimangono scie
Sono forse gli sguardi che vanno
E poi ritratti rimangono
Sì, deve essere così
Il viaggio vero
Quello che rimane dentro
Come un cielo
Dove hanno premuto le dita

Anche se il cielo, a volte, non è più vero
O meno rapido di un sorriso
Della sua arte di sfiorare
Del suo destino di sfiorire

Io non so come sarà il cielo
So com’è quando guardi
E negli occhi socchiusi ti seguo
Lì è tutto il cielo.

Nessun commento: