giovedì 17 aprile 2014

La terra vince sempre.

La terra vince sempre
vince nel solco prepotente
del coltro divaricatore
questo gli occhi lo sanno
lo sanno le braccia
e la zolla dura a frangersi
la zolla quieta nel supplizio
quella che cede, ma lenta
alla lacrima e al piacere.
La terra vince sempre, ubiqua
ché su di lei posano
i cieli i mari i pensieri
e la pace dopo il delirio
di averti
come la terra
ineguagliabile di frutti
di verde nei solchi
e d'anime e fianchi
promessi di delizie
così è percorrerti e sapere
del tuo fresco di coltre a sera
lenta
come una risalita di facelle
sulle tue spalle esposte
al tocco e al brivido nelle dita
e godere, con te
della forza di vivere
nel rigoglio dei solchi
nei cieli, nei voli, nelle onde delle spighe.

Nessun commento: