sabato 4 ottobre 2014

rimaniamo prigionieri

rimaniamo prigionieri
di qualcosa che non può finire
perché ha avuto un inizio, vero
tutto il resto potrà dileguare
o avere solo fine
ché l'inizio era qualcosa di ordinario
o indefinito, vano
è la contesa di vivere
è la cosa che fatta capo ha
vivere, amare
o attendere
come una foglia
nel suo moto
quanto effimero, quanto eterno
tra il ramo e la terra

noi viviamo per vivere qui
tra i punti esatti di una geometria di anime
a segnare un cambio
tra la terra fragile e il ramo
ma foglie
sempre
impresse in fondo al cielo.

Nessun commento: