mercoledì 29 maggio 2013

miré hacia el agua
algo rozó mis piernas
eran peces minúsculos
de párpados azulados
y ojos dorados
rezaban poemas marinos
màs hondos de qualesquiera pensamiento
eran innumerables
eran la arena sobreviviente de tus palabras,
Alfonsina.
guardai verso l'acqua
qualcosa sfiorò le mie gambe
erano pesciolini minuscoli
dalle palpebre azzurrine
e gli occhi dorati
pregavano poesie marine
più profonde di qualsiasi pensiero
erano innumerevoli
erano la sabbia sopravvissuta delle tue parole,
Alfonsina.
... e non lo so, perché a quest'ora della notte mi viene in mente Alfonsina Storni mentre si immergeva nelle acque.

Nessun commento: