mercoledì 5 febbraio 2014

A Punta Alice con Matteo.

l'appartenenza è il solco, avanza
sotto la pelle l'amo
l'hanno scorso, le dita,
il filo attento che vado
a recidere
l'appartenenza, sono tutti i segni
le nocche gli zigomi gli insiemi indifesi
nei volti

con te ho seduto
nel punto esatto del golfo che muore e rinasce
le sue acque a dividermi, lambendomi a lato
e tu figlio a stringermi la mano
in un sottinteso non andare

qui ho smarrito le mani dei padri
le sempre dure
dove si spengono le mie fiumare
e la terra si fa pietraia
giogo inevitabile, forca

ti dico tutte le vie
e i sogni
e i nomi
i visi bruciati e i fazzoletti ripiegati
le figure stinte
di quanti ormai me ne ricordo a stento

l'appartenenza è se e quando dirai
mi diceva mio padre
senza sorprendere gli occhi di chi ti chiede
e tu, figghjiu, a chi appartèni?*

*e tu, ragazzo, a chi appartieni? (è espressione tipica)
2011 

Nessun commento: