martedì 11 febbraio 2014

Cortázar apócrifo, por Cataldo Antonio Amoruso y Vitale.

Julio Cortázar (1914-1984)... giuro, non l'ho fatto apposta: domani è il trentennale della sua morte (12 febbraio 1984); rovistando tra i files (preferirei tra le carte) ho trovato questo scherzo, risibile di fronte alla maestria di J.C.; sono righe della cui esistenza non ricordavo assolutamente nulla, le ho rilette e le espongo qui al pubblico ludibrio... una scusa per citare Julio Cortázar, forse; uno dei tanti autori che non hanno avuto fortuna commensurata alle loro grandissime qualità... troppo fine, troppo intelligente, erudito, magistrale, magico, sorprendente... sorprendente, sì: difficilmente i finali di romanzo, racconto, o poesia, di Cortázar non sorprendono...  Uno dei pochi autori che rischio di leggere fino all'ultimo rigo, o dall'ultima riga... o sfogliandone i libri a caso.

Apócrifo.

Un cronopio entra dal barbiere, attende pazientemente il proprio turno, si siede e chiede al barbiere, con la massima naturalezza, un ''servizio completo, per favore, devo andare a buttarmi sotto il treno''.
Il barbiere, che conosce di vista il cronopio, si dispone ad eseguire quanto richiesto, un po' titubante; come presagendo qualcosa di non impossibile, replica che ''oggi c'è sciopero dei ferrovieri e non passano treni, hai sbagliato giornata...''
Il cronopio non si scompone...: ''qualcuno di sicuro ne passerà... è matematico...''.
Barbiere:- ''se così è deciso...''
Cronopio:- ''...così sarà...'', ed esce, lasciando una generosa mancia.
Il cronopio si avvia verso la strada ferrata poco distante, il passaggio a livello ha le barriere sollevate, pensa ''ci sarà da aspettare un po'...'', chiude gli occhi, si siede su una rotaia, non sente nessun rumore... riapre gli occhi lentamente e vede un uomo con una divisa blu seduto sull'altra rotaia che lo guarda...
Macchinista del treno, che ha capito le intenzioni del cronopio: - ''siamo fermi, la locomotiva si è guastata, e comunque per oggi non c'è nulla da fare: c'è sciopero, riprova domani...''
Cronopio:- ''e va bene, crumiro di un barbiere...''

Malauguratamente la storia è vera, a parte il finale, tragico.
Accadde qui, in questo paese di famas senza speranza; dopo questo racconto mi sono comprato un tagliacapelli... del resto, per l'uso che ne faccio...



Nessun commento: