domenica 14 dicembre 2014

domàni, quann è ghjurnu fattu

domàni, quann è ghjurnu fattu
minni voj nèsciri ccu tìa
ammucciata nti parmi di mani
delizijosa com nu pumu
e ducia com na pešca du Principe
e sentire ntu cosciàl a ti, ricchizza
ca ti motichij e comquannca mi zziddichìj
e t'arribbeddi dicennu c'unt ti piacia
ppè bènire ccu mìa
su šcuru funnu
ca ti custa tantu
e allùra vena
vena ca ti portu
com nu juru nta l'asula
ca tutti ti pon vidire
strittu bonu
ccu u pericalu affericatu
fin aru coru ca jetta e vatta
a mille come si ccu tìa
daveru camignu, o sulu sugnu
in cerca 'e ti, da mea ventura.
Ovvero:
domani, quando sarà giorno fatto
voglio uscire con te
nascosta nel palmo delle mani
deliziosa come una mela
e dolce, come una pesca del Principe*
e sentirti nella tasca, preziosa
che ti agiti e come facendomi il solletico
ti ribelli* dicendo che non ti piace
per venire con me
questo buio profondo
che ti costa tanto
e allora vieni
vieni che ti porto
come un fiore all'occhiello
che tutti possano ammirare
ben stretto
con il gambo serrato
fino al cuore che rifiorisce e batte
a mille come se con te
davvero camminassi, oppure sono solo
in cerca di te, della mia ventura.

Nessun commento: