mercoledì 3 dicembre 2014

ieri pensieri

Riuniamo vite, ché null'altro chiedevano
Che un tempo di sopravvivenza
A volte è come questa massa fosca
Che presiede i discorsi
Dentro, le parole in armi
E oltre, ondivago un orizzonte
Null'altro, che il cuore umido d'erba
Una terra di parole sull'anima che attende.

*********************
Con coraggio di giorno
Si rinnova l'augurio di luce
Per quando tutto potrà sembrare perduto
Tu cerca, mio amore, cerca
Dove l'ombra ha preso il posto delle vite
E intendilo quel luogo di custodie
Amandolo, fosse anche
Una casa vuota di chiocciola
Abbandonata sui filari.

********************
Non ti desidero, le dice, non ti desidero perché il desiderio è l'amore per chi o cosa non si può avere, e questo, per una vita sola, è troppo. 
Anche se amarti sarà totale, e forse più umano sarebbe desiderarti.
********************
A volte ti immagino allo specchio
Mentre ti prepari
Non so bene per cosa
E con tutta calma ti affretti
Come solo le donne sanno fare
O forse gli dei, nei loro mondi
Mi meraviglia che tu possa non vedermi
Ma vedo che ti muovi
Quasi a farmi posto
E fingendoti distratta
I tuoi capelli prendono la forma che vorrei
Le tue mani scendono sui fianchi
Proprio dove le sorprenderei
E i tuoi occhi, le tue labbra, ogni punto
Diventa di te, una immagine di come ti vorrei...
Mi meraviglia che tu non mi veda
Nello specchio che abita un tempo di te.

*********************
(da scarabocchi su una terza di copertina)
Noi non siamo Giove in forme di nuvole
Custodiamo memorie volatili
E immagini d'esse
Memori
........
Esse memorano;
Quando in cielo
È deciso il fondo
Posano.
È l'attimo fuggito
E già nuova immagine incede
A formare l'ora.
......
È tempo.
Cedono il posto, nell'ordine:
parole
nuvole
imballaggi.

******************
Si fa sera, e mi conforta questa foschia che comincia appena finita quella che un tempo non lontano si chiamava 'Grande galleria degli Appennini'…
Foschia, poi nebbia, e sera che cede il passo anzitempo al buio profondo.
Dove sei? Dove sono?…
Mi sorprendo a trovare che sia strano questo modo di dire, 'la galleria è finita'… e quando? La galleria è lì, e bisognerà percorrerla, ogni volta che sarà necessario.
Spero sia luce, al più presto.

Nessun commento: