giovedì 11 dicembre 2014

Mi volìssa špagnàre com na špera 'e sule

Mi volìssa špagnàre com na špera 'e sule
ncera a nu ruvettàru, e španticàre
com nu quatràru davànt aru prim amùru
volìssa, com nu crìjatùru nciotàre
davànt a nu rigàlu ca nessùna mana mi po' allongàre

volìssa tanti cosi, tanti, quanti l'occhj un pon cumportàre
volìssa, subba a tutti i cosi, ca fossi tu
s'ària ca si mova e com nu jàtu, càvuru m'asciùca
ca dintra all'ossi troppi su' stati, i paròli
senza riggèttu, a rivotàre fossi, a scuverchjàre mari

volìssa ca fossi tu, sa macchja virda
si punti gialli semp d'estaggiòna
su cièlu chjàru e sanza guàli
sa pàcia ca mi sagghja dintra
quann m'assèttu e sàcciu ca mi penzi
com si pènzin i cardìddi, i jùri o i nnammuràti
senza sapìre pecchì, né come o quannu
basta ca sia, come nu nidu, nu pètalu, nu vasu
ca àvitu àvitu è crisciùtu e sul l'ànima ci ajùncia
ar u sbirrijàre, ma senza mai u toccàre.

Vorrei aver paura come un raggio di sole
davanti ai rovi, e sobbalzare
come un fanciullo davanti al primo amore
vorrei, come un bambino allibire*
davanti a un regalo che nessuna mano mi potrà dare

vorrei tante cose, tante, quante gli occhi non possono sostenere
vorrei, sopra ogni cosa, che fossi tu
l'aria che si muove e come un respiro, caldo mi asciuga
ché nelle ossa troppe sono state, le parole
senza posa, a rivoltare fossi, a scoperchiare mari

vorrei che fossi tu, la macchia verde
i punti gialli sempre di stagione
il cielo chiaro e senza eguali
la pace che dentro mi sale
quando mi siedo e so che mi pensi
come si pensano i cardellini, i fiori o gli innamorati
ignari del perché, del come o quando
ma solo purché sia, come un nido, un petalo, un bacio
che in alto in alto è cresciuto e solo l'anima ci arriva
solo a sfiorarlo, e senza mai toccarlo.

Nessun commento: