lunedì 22 dicembre 2014

mi stipu l'occhj to' nta nu pizz 'e munnu

mi stipu l'occhj to' nta nu pizz 'e munnu
ca nessun i po' asciàre
ntu coru cchjù funnu
adduv tu sula trasi, e nti mani teni
strinciutu nu chjavìnu
ccu duj occhj ca rìdinu com quann
ca si rapa nu granatu
e ni nèscini i cocci russi
e a còrchjula janca
Nta chiddu pizz du coru c'è na cosa
com nu puzzu dintr'a luna
ca si rivota e cerca
e si si linchja de' lacrimi o 'e acquatina
un si capiscia, s'è ppe' risu o ppe' ruvina
ma tu, tu un t'inni ncarricare
tu sì a matina
e l'anima ca sentu 'e tìja è semp chjìna.

conservo gli occhi tuoi in un punto del mondo/ dove nessuno li può trovare/ nel cuore più profondo/ dove tu sola entri, e nelle mani tieni/ stretta una piccola chiave/ con due occhi che sorridono come quando/ si apre una melagrana/ e ne sortiscono i chicchi rossi/ e la scorza bianca/ In quell'angolo di cuore c'è una cosa/ come un pozzo nella luna/ che si rivolta e cerca/ e si riempie di lacrime o rugiada/ e no si distingue, se è per riso o per rovina/ ma tu, tu non fartene un peso/ tu sei la mattina/ e l'anima che sento di te è sempre piena.

Nessun commento: