giovedì 18 dicembre 2014

Natàl senza 'e tìa

Natàl senza 'e tìa
Natal c'un ti pozz' addimmannar
nent, si sì stata bon o malament
si t'ha manciat i tridici cosi
o s'ha lassat i moddichi sub a banca
pper u Bommineddu, ccur u biccher 'e l'acqua
e a fedda 'e panetton
s'ha fatt a cunta d'i niputi ar'un ar'un
e si sì rimasta cuntenta
s'ha tenut mprazz a ncun picciuliddu
com si fossa nu Bomminu
si domani dormi, abbenadica
e tutti fossimu cuntenti
com si mai n'avissi lassati
Natal com tant ati
ccu su penzer 'e cchjù
'e sa mancanza ca parìa luntana
e mmece già s'è fatta eterna
com na chjaga ca vruscia dint'a mana.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

"come una piaga che brucia nella mano" e non solo...ti abbraccio e al silenzio lascio parola...

rigobianco

Cataldo Antonio Amoruso ha detto...

L'abbraccio dello/a sconosciuto/a... ferreo anonimato!