giovedì 6 marzo 2014

Primavera di già, sui vetri



Primavera di già, sui vetri
cretta l’inverno col suo artiglio
la rondine a terra
Si diffonde e dei vestiti
rimangono sul pavimento 
ombre di incontri rubati
ché le stagioni si scontano
e i pesi incombono, ma nuovi
ma poi riappare
così sospeso
nell’aria di marzo
un profilo amico
ed è qualcosa che si ricompone
e spinge, dall’anima
un canto ancora che si fa stagione.

È il tempo che ritorna
È il sogno che risuona. 

Nessun commento: