venerdì 21 marzo 2014

vorrei che fosse poesia vera

vorrei che fosse poesia vera
che dicesse di te
ma le mani mi guardano
dal vuoto degli incàvi
dove a volte hai riso
ed altre,
pianto
... e allora la linea di vivere si spaèsa
le dita senza un filo si richiudono,
mute su se stesse
senza nulla da ridire

così mi manchi
e vorrei che fosse poesia, davvero
un pensiero bello nella tua sera.

Nessun commento: