domenica 23 marzo 2014

Ti porto nel paese dove comincia il cielo



Ti porto nel paese dove comincia il cielo
Sui piccoli cirri dove si vede in lontananza
Il giorno Tu non raccogliere
Subito Le piante amare del ritorno
Segna il cammino e non piegarti alle insidie
La strada che vorrai, in qualche modo
Si indovina E’ agile, come i tuoi pensieri
Che già sanno di colline e strade
Verso i cieli trapuntati a fiori
Dove si dipanano, e i colori
E in lontananza il mare
A tingere di noi i pensieri

Domani ti porto in un luogo ovunque
Dove non ci sarà nulla che tu non voglia
Neanche le mani
i fianchi
il disparire di una lacrima o di una foglia.

Domani è sempre.

Nessun commento: